I Migliori siti italiani di Casino Online legali AAMS con bonus

Prova a giocare con i migliori casino online italiani legali con licenza AAMS. Prendi i bonus, scopri i giochi e vinci nei migliori casinò su internet

Il gioco d’azzardo ed il post terremoto

Published / by admin

gioco d'azzardo solidarietà

È un dato consolidato che quando il Governo deve adempiere a qualcosa di importante e quando ha necessità di incassi straordinari aumenta la benzina, le sigarette e perché no si rivolge al gioco. Ma vista l’attuale situazione di questo ultimo e dopo il continuo riferimento che si fa per “dare contro al gioco”, si ricorda il terremoto dell’Aquila dove lo Stato per “aiutare” la popolazione coinvolta ha istituito e fatto partire le Vlt che ancora oggi, come tutto il gioco, fanno ancora discutere. Quindi, ad essere obbiettivi e coerenti, anche nell’occasione di questo ultimo accanimento di Madre Natura nei confronti della nostra popolazione del centro Italia si spera che non ci si rivolga ancora al gioco per sostenere “il disastro” di questi ultimi giorni.

Ecco perché quando Massimo Garavaglia, coordinatore della Commissione Affari Finanziari della Conferenza delle Regioni ed assessore al Bilancio della Regione Lombardia dichiara che il gioco non verrà toccato per fare fronte ad un sostegno da parte del Governo per il post terremoto, la sua dichiarazione ci conforta. Vogliamo “tradurre” la decisione in questo senso: finalmente, lo Stato quando ha un imprevisto finanziario non ricorre al settore ludico, anche se questo sembra piuttosto anomalo e controcorrente relativamente al passato. In ogni caso, bisogna prendere atto che sino ad ora riferimenti per il terremoto, e correlati al gioco non se ne sono sentiti, mentre invece sono stati stanziati dallo Stato i primi 50 milioni di euro per l’emergenza dei territori colpiti da questa ultima tragedia.

Senza dimenticare che, al momento, nelle casse dello Stato sono venuti a mancare i 500 milioni di euro provenienti dall’incasso dei bandi di gara previsti dalla legge di Stabilità del 2016 sui migliori casino online italiani legali aams che ancora non sono stati emessi in mancanza di risultati pratici e concreti provenienti dall’accordo in Conferenza Unificata relativamente alla riforma del gioco che, come si sa, latita ancora… e chissà per quanto tempo. Pier Paolo Baretta con l’occasione del post terremoto ha evidenziato la necessità di “trovare altre soluzioni affinché il gioco possa compartecipare alla ricostruzione” senza mettere in discussione risorse che non sono disponibili per il Governo.

Una buona iniziativa del gioco, invece, parrebbe quella sottoposto dalla Snai con la quale nelle agenzie e nel relativo sito si potrà dare un contributo per il terremoto senza effettuare scommesse: per ogni versamento il gruppo aggiungerà una donazione di pari importo. Questa è un’ottima opportunità, trasparente, collaborativa che non lascia intendere alcun sotterfugio o speculazione. Così il Gruppo Snai si dà da fare e mette a disposizione le proprie strutture per dare una mano alle vittime del sisma e sollecita i “propri scommettitori” a partecipare a questa iniziativa, sia presso i propri punti ed agenzie sia collegandosi online al relativo sito.

Mentre rimane bloccato il discorso sottoposto da alcuni Ministri di devolvere il jackpot del SuperEnalotto alle persone coinvolte nel terremoto: Pier Paolo Baretta sostiene che questo importo non è del Governo, ma bensì dei giocatori ed agli stessi deve pervenire. Lo Stato non può intervenire su di una cosa che non è propria confermando anche l’idea del Governo, come detto qualche riga più sopra, di non “studiare” una nuova raccolta per non incentivare ulteriormente l’offerta di gioco già “troppo presente” al momento sul territorio.